Home / Tecnologia / Come la tecnologia potrebbe prevenire gli incendi

Come la tecnologia potrebbe prevenire gli incendi

Nell’ultimo mese tutto il sud Italia è stato avvolto dalle fiamme e per quanto i vigili del fuoco, i Canadair e la Protezione Civile ce l’abbiano messa tutta, il disastro è stato inevitabile. Nel momento in cui scriviamo, quasi quattromila ettari di bosco sono bruciati nella sola provincia di Messina, ma basta leggere il report di Usignolo News per capire che probabilmente si superano i diecimila ettari in tutta Italia.

Purtroppo il danno è stato fatto e lo Stato ha le sue colpe in quanto a mezzi messi a disposizione e arretratezza tecnologica. Sì, perché in altri Paesi la tecnologia aiuta a prevenire gli incendi, in particolare con uno strumento interessante: le fotocamere termografiche.

Una fotocamera termografica (chiamata anche fotocamera a infrarossi o fotocamera per immagini termiche) è un dispositivo che forma un’immagine utilizzando radiazioni a raggi infrarossi, simile a una fotocamera comune che forma un’immagine con luce visibile. Invece della gamma di 400-700 nanometri della camera a luce visibile, le camere a raggi infrarossi funzionano in lunghezze d’onda fino a 14.000 nm (14 μm). Il loro uso è chiamato termografia.

Una delle aree di sviluppo più importanti per i sistemi di sicurezza è stata la capacità di valutare in modo intelligente un segnale, nonché di avvisare la presenza di una minaccia. Sotto l’incoraggiamento dell’Iniziativa di difesa strategica degli Stati Uniti, cominciarono a apparire “sensori intelligenti”. Questi sono sensori che possono integrare il rilevamento, l’estrazione del segnale, l’elaborazione e la comprensione.

L’energia infrarossa è solo una parte dello spettro elettromagnetico, che comprende le radiazioni di raggi gamma, raggi X, ultravioletti, una regione sottile di luce visibile, infrarossi, onde terahertz, microonde e onde radio. Questi sono tutti legati e differenziati nella lunghezza della loro ondata (lunghezza d’onda). Tutti gli oggetti emettono una certa quantità di radiazioni del corpo nero in funzione delle loro temperature.

In linea generale, la temperatura più alta dell’oggetto, la radiazione più infrarossa viene emessa come radiazione nera. Una fotocamera speciale può rilevare questa radiazione in un modo simile al modo in cui una normale fotocamera rileva la luce visibile. Funziona anche in totale oscurità perché il livello di luce ambientale non importa. Ciò lo rende utile per le operazioni di salvataggio in edifici in fumo e sotterranei.

Per l’uso nella misurazione della temperatura le parti più luminose (più calde) dell’immagine sono di solito colorate bianche, le temperature intermedie rossi e gialli e le parti più nitide (più fresche) sono nere.

La termografia trova molti altri usi. Ad esempio, i vigili del fuoco potrebbero usarla per vedere attraverso il fumo, trovare persone e localizzare i punti caldi in cui potrebbero avvenire potenziali incendi. Accade in Germania, dove i corpi di competenza hanno in dotazione degli elicotteri equipaggiati con camere termografiche con cui monitorano le aree boschive e segnalano i punti più caldi.

Originariamente sviluppate per uso militare durante la guerra di Corea, le telecamere termografiche hanno migrato lentamente in altri campi vari come medicina e archeologia. Più di recente, l’abbassamento dei prezzi ha contribuito a alimentare l’adozione della tecnologia di visualizzazione a raggi infrarossi. Le ottiche avanzate e le sofisticate interfacce software continuano a migliorare la versatilità delle telecamere IR. E speriamo che proprio questo abbassamento di costi spinga lo Stato italiano a fare questo investimento.

Leggi anche

Dopo il Commodore 64: Commodore 128

Il Commodore 128, noto anche come C128, C-128, C = 128 o occasionalmente CBM 128, …

Lascia un commento