Home / Curiosità / Seek, il nuovo “shazam” della natura

Seek, il nuovo “shazam” della natura

Abbiamo parlato tanto di Shazam, lo abbiamo amato e lo abbiamo scaricato su tutti i nostri dispositivi, ed ora arriva un’altra app descritta proprio come lo “shazam della natura”. stiamo parlando di Seek, la nuova app che sta facendo impazzire tutto il mondo.

Seek è stata ideata e creata da iNaturalist, nominata anche con il nome di “shazam di fauna e flora” o semplicemente lo “shazam della natura”.

A quanto pare Seek, ha varie funzionalità che ci ricordano il nostro storico shazam: l’app si serve di geo localizzazione, realtà aumentata per riconoscere le piante e gli animali in tempo reale.

L’utente non dovrà fare altro che inquadrare l’animale o la pianta che vuole identificare con la fotocamera del proprio smartphone e il gioco è fatto.

Seek si serve di un processo simile usato dal famosissimo gioco di Pokemon Go nel 2016,  che permetteva all’utente, grazie alla realtà aumentata di interagire con il mondo esterno, e anche di muoversi all’interno del gioco stesso.

Seek quindi cerca di creare qualcosa di simile, con un processo molto simile.

Nasce da un progetto da iNaturalist, nient’altro che un social network per gli ambientalisti che potranno adesso registrare le loro osservazioni e le loro scoperte in modo del tutto più facile e semplice grazie all’app.

In dieci anni sono riusciti a catalogare ben 15mila specie diverse, e da qui nasce il progetto da un gruppo di studenti dell’università di Berkeley di ideare e sviluppare il programma usando l’intelligenza artificiale usata nel gioco di Pokemon Go, per creare qualcosa ancora di facile e divertente da usare.

Seek ha un pubblico vasto che continua sempre ad ampliarsi maggiormente, grazie anche al suo catalogo sempre aggiornato che permette di riconoscere più di 30mile specie diverse.

L’obbiettivo di Seek è quello di far crescere l’interesse al suo pubblico, soprattutto ai più giovani, verso la natura, la scienza e ciò che ci circonda. L’app è disponibili per i dispositivi iOS e ben presto lo sarà anche per tutti gli Android.

Leggi anche

scarabeo cyborg

Arrivano i coleotteri robotizzati

Hirotaka Sato, scienziato del Nanyang Technological Institute, ha come obiettivo la creazione di robot insettoidi …

Lascia un commento