Home / Webmaster / Come capire se un sito e’ stato penalizzato da Google
sito penalizzato da google

Come capire se un sito e’ stato penalizzato da Google

Sei un webmaster e ti interessa sapere se il tuo sito è stato penalizzato da Google? Leggi questo articolo e saprai come capirlo.

Hai notato alcune anomalie negli ultimi tempi riguardo al tuo sito web e non sai a cosa siano dovute; può darsi si tratti di una penalizzazione da parte di Google? Può darsi, in fondo negli ultimi anni Google si è attivata molto per contrastare lo spam sul web, agendo manualmente. Network e blog sono costantemente nel suo mirino. In genere quando si nota un calo di traffico dei visitatori sul proprio sito, si tende a pensare ad una penalizzazione.

In realtà, per penalizzazione si dovrebbero intendere solo le azioni manuali di un team che controlla un sito web cercando pattern non naturali e non consentiti dalle linee guida del browser, in questo caso Google. Una volta effettuata l’identificazione, si opera col flag manuale, con l’obiettivo di ridurre il ranking per le pagine monetizzate, l’intero sito o semplicemente di svalutare certi link, se non bannare il sito.

Se si viene colpiti da aggiornamenti algoritmici come Panda, Penguin o minori, si dovrebbe parlare di filtri algoritmici, perché accade che il sito o alcune delle sue pagine venga filtrato dai risultati di ricerca per determinate query con determinati segnali. E’ dunque il sito a rispondere automaticamente. Per le azioni manuali si riceverà verifica via mail nella sezione ”Azioni manuali” su Google WebMaster Tools.

Per i filtri algoritmici si noterà soltanto il calo drastico del traffico. Nel primo caso, si può recuperare in tempi brevi, nel secondo bisogna attendere un update dell’algoritmo. Il modo più semplice per verificare una penalizzazione è quello di avere gli accessi degli account di Google Analytics e visualizzare il traffico organico e Google WebMaster Tools, per vedere se il calo del traffico corrisponde ad un calo di impressions e click delle pagine del sito.

Vai su ”Query di ricerca”>”Pagine principali”. Identifica le pagine soggette ai cali. Un tool molto utile che incrocia i dati di Analytics con le date di pubblicazione degli update algoritmici è PanguinTool. Verifica anche le posizioni perse delle principali keywords, utilizzando la funzione ”Rankings”>”Winners/Loser” di SearchMetrics. Ovviamente i cali non sempre corrispondono ad una penalizzazione; escludi sempre in partenza problemi interni al sito o del server facendo un’analisi.

Leggi anche

Posizionare Adsense su WordPress

Vuoi inserire annunci Adsense nel tuo blog basato su WordPress e non hai voglia di …

Lascia un commento