Home / Software / Amazon nel mirino per la vendita di Software per la sorveglianza
real killer robot

Amazon nel mirino per la vendita di Software per la sorveglianza

Di recente, stati come la Cina hanno iniziato a dotare la polizia di software in grado di riconoscere immediatamente le persone semplicemente attraverso un visore.

A quanto afferma la ACLU (American Civil Liberties Union), però pare che anche per quanto riguarda il mondo occidentale, Amazon stia vendendo un software dedicato al controllo totale chiamato Amazon Rekognition.

Questo strumento può essere integrato ai sistemi di sorveglianza già presenti sotto forma di telecamere per le città, garantendo l’identificazione delle persone che vengono inquadrate. Secondo l’attivista di Black Lives Matter “È una ricetta per l’autoritarismo” e, “Amazon non dovrebbe in alcun modo avvicinarsi a questo genere di cose. E se avremo voce in capitolo, non succederà”.

La vendita ha già scatenato una serie di mail inviate direttamente al CEO di Amazon Jeff Bezos dove viene richiesta l’immediata cessazione delle vendite. Questi strumenti infatti, si spiega:  “rendono sempre più facile violare i diritti civili e prendere di mira la comunità di colore”.

L’azienda ha però prontamente risposto: “la nostra qualità della vita peggiorerebbe se mettessimo fuorilegge determinate tecnologie solo perché qualcuno potrebbe abusarne. Dovremmo vietare l’uso dei computer perché si possono utilizzare anche a fini illeciti?”.

Si spiega poi come lo strumento possa migliorare la vita delle persone anziché danneggiarla, “Per esempio, possono aiutare a trovare facilmente i bambini che si perdono nei luna park o le persone smarrite. In più, ai nostri clienti è richiesto di osservare la legge e usare questi software in modo responsabile”.

Ci sono però seri dubbi sull’utilizzo dello strumento e su quanto questo sia compatibile con una democrazia, da una recente conferenza dove veniva presentato Recognition è emersa questa dichiarazione: “Ci sono telecamere in tutta la città: possiamo analizzare i video in tempo reale e identificare i volti presenti nei database delle forze dell’ordine”.

I rischi più grossi sono legati a un eventuale totalitarismo dotato di strumenti di controllo totale, inoltre, il riconoscimento e l’identificazione che offrono questi prodotti, sono la base sulla quale si sviluppano i così detti Killer robots, robot studiati per uccidere determinati individui che secondo gli analisti si diffonderanno notevolmente nei prossimi anni.

 

 

Leggi anche

gruppi facebook

Gruppi Facebook a pagamento

Strane scelte quelle che ha visto Facebook negli ultimi tempi, non ancora completamente tornato a …

Lascia un commento